Archeologia subacquea: le anfore parlanti

Roma era una città popolosa che governava un vasto impero. Come centro amministrativo e centro di potere, la città dipendeva quasi completamente dalle importazioni esterne per soddisfare i suoi bisogni primari. Tutto questo ha avviato le importazioni dall’Italia, dalla Sicilia, dalla Sardegna, dalla Spagna, dalla Gallia e infine dal Nord Africa. L’Egitto con i suoi ricchi raccolti…

Dieta vegetariana: approccio di ricerca archeo-alimentare

La dieta vegetale dei nostri antenati si dimostra essere elemento quasi sempre presente anche negli scavi e questo avviene perché l’alimentazione si basava, in primis, sulla coltivazione. Importante ai fini della ricerca è conoscere le fasi e tutto ciò che gravita attorno a questi alimenti tanto preziosi per la sopravvivenza. Partiamo dall’inizio però. Alcuni ricercatori…

Samsa una ricetta popolare

Per la nostra archeoricetta abbiamo utilizzato delle olive nere denocciolate in salamoia, dei semi di finocchio, cumino, anice e ovviamente olio evo. La Samsa era un paté di olive nere venduto al mercato popolare degli antichi romani. Una “salsa” molto comune ma tramandataci da Columella nel primo secolo d.C attraverso la sua opera “De re…

Diario di scavo: il vino

Miscela inebriante, conviviale e divertente. Un’ arma, insomma, da usare con cura.Chi di noi non ha mai fatto questi pensieri? Sicuramente ne erano preda i nostri antenati. Da sempre il vino fa parte della ritualità umana del banchetto e della socialità. Ma come facevano i nostri antenati a mescere, consumare e produrre il vino? E…