L’anfora e i suoi contenuti: l’olio

Tra i prodotti più esportati troviamo l’olio, assieme al vino e al pesce e i suoi derivati, stivato nelle navi mercantili e conservato nelle anfore. L’olio non era utilizzato esclusivamente per fini alimentari, come accade tutt’oggi, ma era impiegato nella realizzazione di balsami e unguenti, nella medicina e nell’illuminazione, utilizzato per riempire le lucerne. La…

Le posate in tavola: la forchetta

Eccoci al nuovo appuntamento del giovedì con la rubrica della dottoressa Valentina Sgariglia, che dalla Spagna ci allieta con i suoi spunti di archeologia materiale legati al mondo della gastronomia antica. Oggi vi parleremo della forchetta. Il termine forchetta è il diminutivo di forca. Utilizzata già nell’Antica Grecia, era impiegata per cucinare e distribuire le…

Le posate in tavola: il coltello

La rubrica dedicata alle ceramiche e gli utensili da cucina non poteva non trattare l’aspetto storico legato all’utilizzo delle posate attraverso l’archeologia e la storia della gastronomia antica. La dott.ssa Valentina Sgariglia, per Arkeogustus, questa volta ci stupisce e ci fa scoprire delle curiosità devvero interessanti. Inizieremo, infatti, parlandovi del coltello. Gli utensili che ritroviamo…

I ricettari dell’antichità

Oggi, con ArkeoGustus viaggiamo insieme alla scoperta dei primi ricettari, alcuni famosi, altri purtroppo andati perduti, e lo facciamo accompagnati da Ateneo. Ateneo ci ricorda Catone, Varrone, Columella ma anche molti pseudo-sconosciuti che ci hanno tramandato, anche se in modo non organico, le loro ricette facendoci tratteggiare quella che è la storia della gastronomia antica,…

Focaccia al miele

In Grecia la focaccia al miele è chiamata Nastòs e poteva essere farcito con mandorle e uvetta oltre ad avere molte forme diverse.🧁La ricetta è descritta da Teocrito (IV, 33) e narra la storia di un pugile calabrese, Egone, che ne divorò ben ottanta in una sola volta. La farina utilizzata originariamente era di orzo…

PIATTI DA TAVERNA

Alla taverna ci si andava per bere e non esisteva un menù ad esclusione di alcune ricette, schibescia e carbonata, rielaborate con spezie per essere più gradevoli a tutti. Per favorire il bere si mangiavano stuzzichini di carne come i salumi diversi di cinghiale e maiale. Escludete la mortadella che pur essendo medievale e ideata…