Idromele oltre la cultura norrena: anche Columella ne sapeva qualcosa?

Arkeogustus vi ha spesso raccontato dell’utilizzo del miele in antichità e questa volta invece vi vogliamo tramandare la versione piu sofisticata di una bevanda alcolica ottenuta mescolando miele ed acqua. Le prime testimonianze archeologiche sulla produzione di idromele risalgono ad oltre 9.000 anni fa. La testimonianza ci giunge dai frammenti di vasi di ceramica rinvenuti…

Ossiporo: De re rustica, XII, 59, 5

Per concludere il pasto, spesso e volentieri le tradizioni ci ricordano che il liquore è la soluzione migliore. Ma esiste una versione di digestivo molto particolare, tramandataci da Columella nel De re rustica: l’Ossiporo o meglio detto Oxyporum. Era una bevanda a base di aceto e pepe che serviva a favorire la digestione ma anche…

Caldo? Un bicchiere di Posca!!!

La Posca era una bevanda semplicissima che si otteneva mescolando all’acqua, dell’aceto ma le dosi sono assolutamente individuali e personali. Oltre ad essere un’antichissima bevanda, molto popolare nell’antica Grecia e bevuta dai legionari romani per avere energia, eliminava i germi patogeni presenti nell’acqua stessa. L’acido acetico presente nell’aceto eliminava gran parte dei microrganismi responsabili di…

Archeo botanica a Pompei

Facciamo una passeggiata tra gli scavi di Pompei, magari al tramonto, facendoci avvolgere dal calore che racchiude storia e vite passate e proviamo ad immaginare come si viveva a quel tempo. Il profumo del pane, le botteghe, i carri, le persone che chiacchierano e le grandi ville. Come possiamo accompagnare questi pensieri e sentirli parte…

L’anfora e i suoi contenuti: l’olio

Tra i prodotti più esportati troviamo l’olio, assieme al vino e al pesce e i suoi derivati, stivato nelle navi mercantili e conservato nelle anfore. L’olio non era utilizzato esclusivamente per fini alimentari, come accade tutt’oggi, ma era impiegato nella realizzazione di balsami e unguenti, nella medicina e nell’illuminazione, utilizzato per riempire le lucerne. La…

Lo facciamo aromatizzato… Il miele.

Tra le molte collaborazioni di ArkeoGustus® non potevamo citare una realtà Toscana davvero eccellente. La produzione propria dei mieli è davvero eccellente, provare per credere e se non ci credete andate a spulciare le nostre archeoricette per scoprirlo. Loro sono l’azienda Signorini. Per informazioni e contatti scriveteci o visitate il sito e aggiungendo alla richiesta…

Arkeorubrica: La cultura contadina in Romagna

Nella rubrica “L’orto in dispensa” non potevamo trascurare le tradizioni regionali antiche come quella Romagnola. Esiste una grande realtà museale che ci permette di gustarci visivamente i metodi agricoli di un tempo e dimenticati. Arkeogustus in esclusiva vi mostrerà in foto e video i metodi di lavorazione dei cereali grazie al l’Associazione amici della cultura…

Cynara ed il carciofo

Cynara scolymus è il suo nome scientifico e ad esso è legata una poetica leggenda della mitologia classica che vede nel Carciofo l’incarnazione di una Ninfa. Si tratta della bellissima Cynara, ninfa dai capelli color cenere, la pelle rosata e occhi verdi dalle rarissime sfumature viola. Pur avendo un animo buono e un cuore gentile…

Le posate in tavola: la forchetta

Eccoci al nuovo appuntamento del giovedì con la rubrica della dottoressa Valentina Sgariglia, che dalla Spagna ci allieta con i suoi spunti di archeologia materiale legati al mondo della gastronomia antica. Oggi vi parleremo della forchetta. Il termine forchetta è il diminutivo di forca. Utilizzata già nell’Antica Grecia, era impiegata per cucinare e distribuire le…