Ossiporo: De re rustica, XII, 59, 5

Immagine dal web

Per concludere il pasto, spesso e volentieri le tradizioni ci ricordano che il liquore è la soluzione migliore. Ma esiste una versione di digestivo molto particolare, tramandataci da Columella nel De re rustica: l’Ossiporo o meglio detto Oxyporum.

Era una bevanda a base di aceto e pepe che serviva a favorire la digestione ma anche a combattere il mal di stomaco, i calcoli renali e le coliche. Ma come si prepara?

Columella ci suggerisce 3 once di pepe bianco, 2 once di grani di apio o sedano selvatico, 1,5 once di radice di laser, 2 once di carvi. Questi ingredienti miscelati con miele, aceto e garum, davano vita a questo dopo cena davvero speciale.

Una bonta? Non saprei… Provate a riprodurlo.

Mettete a bagno i semi di cumino nell’aceto per un paio d’ore, poi scolate e pestate nel mortaio insieme al pepe bianco. Tritate lo zenzero, poche foglie di ruta e un dattero.

Un pizzico di sale e mescolare bene con le spezie e una piccola quantità di miele nel mortaio.

Ottimo anche come condimento per le verdure fresche oppure, come ci suggerisce Apicio, accompagnato alle polpette di pesce ( trovate la ricetta nella sezione archeocucina).

Dottoressa Claudia Fanciullo

Tutti i diritti sono riservati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...