L’acqua: elemento trascurato ma fondamentale

il

Stamattina abbiamo introdotto l’argomento sui nostri canali social ma è comunque importante provare a trovare delle testimonianze archeologiche e storiche su un elemento imprescindibile per la nostra vita che spesso non viene assolutamente trattato.

L’acqua era alla base di molte bevande, come l’idromele, la birra e certi vini leggeri. Succedeva molto costantemente che venisse bevuta in sostituzione al vino che era disponibile non per tutti e questo ce lo dice Catone il Vecchio (Plu. Cato major, 1, 133.) e molti libri di storia. Serviva anche ai viaggiatori che la disinfettavano sempre prima di berla, come ci suggerisce Plinio (31,31-40,71), infatti solo le sorgenti potevano garantire la purezza dell’acqua ed avere effetti curativi ma solo se bevuta sul posto.

I vini troppo forti si diluivano in acqua fresca e lo stesso Nerone ebbe l’idea di farla bollire prima di rinfrescarla con la neve (Plinio, 31,4-12.). A Tivoli, infatti, quando fa caldo si beve “l’acqua di neve fusa”.

Dott. Ssa Claudia Fanciullo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...