Le posate in tavola: il coltello

Spillone, coltello e asce in bronzo dell’Età del bronzo recente e finale dalle Valli di Fimon. Musei Civici Vicenza

La rubrica dedicata alle ceramiche e gli utensili da cucina non poteva non trattare l’aspetto storico legato all’utilizzo delle posate attraverso l’archeologia e la storia della gastronomia antica.

La dott.ssa Valentina Sgariglia, per Arkeogustus, questa volta ci stupisce e ci fa scoprire delle curiosità devvero interessanti. Inizieremo, infatti, parlandovi del coltello.

Gli utensili che ritroviamo oggi a tavola sono: il coltello, utilizzato per sminuzzare le pietanze, la forchetta per infilzare e portare alla bocca gli alimenti solidi e il cucchiaio per raccogliere e portare alla bocca pietanze liquide o semiliquide. Vi siete mai chiesti a quando risalga l’origine storica di questi strumenti?

Il termine coltello deriva dal latino cŭltĕllus. I primi coltelli erano realizzati ricavando una lama dalla lavorazione di osso o di pietre taglienti, fissata su un manico. I coltelli erano utilizzati sia come utensili sia come arma. Tuttavia, solo nell’anno Mille, quando s’inizia a lavorare l’acciaio, ottenuto dalla lavorazione di massa ferrosa e carbonio, il coltello inizia ad assumere le sembianze dell’utensile utilizzato ancora oggi. Con lo sviluppo delle tecniche di lavorazione del metallo, il coltello diventa uno status, tanto
da essere appeso alla cintura, conservato in una custodia. Al fodero utilizzato per custodire il coltello, si aggiunsero prima il cucchiaio, poi la forchetta e per questo si pensa che il termine “posate” derivi dal gesto di poggiare questi utensili sulla tavola.
La grandezza del coltello, la lavorazione del manico e la forma, inoltre, erano relazionate alle possibilità economiche del proprietario. A ogni modo, fino al XIII secolo i cibi venivano serviti già tagliati e ognuno utilizzava la propria lama da caccia o da combattimento per servirsi, la punta era aguzza proprio per poter infilzare le pietanze. Solo nel 1244 a Firenze è documentata un’industria di coltelli.
Durante il Medioevo le posate vennero fabbricate in oro e argento. Con
l’acquisizione di tecniche di lavorazione dell’acciaio più efficaci, nel Rinascimento i laboratori adibiti per la realizzazione delle posate ebbero grande successo, soprattutto del Ducato di Milano e della Repubblica di Venezia.

Dott.ssa Valentina Sgariglia


Sitografia
http://www.treccani.it/vocabolario/coltello/
https://www.supertosano.com/blog/71/la-storia-delle-posate
https://www.ifood.it/2016/01/coltello-cucchiaio-e-forchetta-le-posate-nella-storia.html
https://www.supertosano.com/blog/71/la-storia-delle-posate
https://www.taccuinigastrosofici.it/ita/news/contemporanea/antropologiaalimentare/Coltello-e-cucina.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...