CATONE E I FICHI DI CARTAGINE

FICHI CARBONIZZATI POMPEI ED ERCOLANO

Marco Porcio Catone, detto il Censore(234-149a. C), deve la sua fama all’avversione verso Cartagine, eterna nemica di Roma ed alla frase, Carthago delenda est, ossia Cartagne deve essere distrutta.

Meno noto è l’aneddoto che sto per raccontarvi e che è ricordato da Plutarco: Catone vuole convincere il Senato che il pericolo di Cartagine è serio e per provarlo porta dei fichi profumati e belli, proveniente da lì e appena colti. Questa era una prova certa che il nemico fosse dietro l’angolo. Questo aneddoto sarebbe davvero scarno per poter considerare la figura di Catone tra i cuochi o i gastronomi antichi se non fosse che scrisse il De agri cultura, un testo dedicato all’agricoltura e alla conservazione e trasformazione dei prodotti della terra, dal quale possiamo anche ricavare informazioni utili legate ai mercati di Roma e alle cucine del popolo.

Dott.ssa Claudia Fanciullo

BIBLIOGRAFIA

Catone, Opere, a cura di Paolo Cugusi eMaria Teresa Sblendonio Cugusi, 2 voll., Utet, Torino 2001.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...