Benvenuti nell’Antica Grecia

il

La nostra macchina del tempo ci porta indietro dal Medioevo all’Antica Grecia per questa settimana.

Cercheremo di carpire i segreti dell’alimentazione di questo periodo storico, facendo riferimento anche a vari esempi di menù.

Come erano organizzati i pasti?

Quali alimenti erano tra i più noti?

SALITE A BORDO E PARTIAMO!

Antique column icon in outline style isolated on white background. Greece symbol vector illustration.

I Greci di solito consumavano tre pasti al giorno. All’alba facevano colazione (àriston) con una focaccia,del vino e delle olive (sembra quasi la colazione ligure…); verso mezzogiorno mangiavano uno spuntino leggero (dòrpon) e alla sera si riunivano per consumare il pasto principale della giornata (dèipnon).

Le raffigurazioni di banchetti, frequenti nell’arte greca e sui vasi figurati, lasciano intuire che i commensali si sdraiassero sulla klìne, appoggiandosi sul gomito sinistro e davanti ad un tavolino per ospite, dove appoggiare le vivande.

Mangiare e bere erano due fasi separate durante il pasto serale. Infatti bere del vino era prerogativa del simposio. La tavola veniva sgomberata per lasciare posto a questa bevanda. Senofane ( fr. 1 Diehls) ci racconta che:

Il pavimento ora è lindo, e tutte le mani, le coppe […] il cratere campeggia pieno di buon umore, il vino è schietto, di quello che non tradisce, dolcissimo, e sa di fiore […] il biondo pane posa sulla tavola veneranda caricata di caci e miele pingue […] musica e festa avvolgono la casa.

Finito il pasto i convitati offrivano una libagione alle divinità, cantavano, usavano corone e bevevano del vino destinato al brindisi che, come ci racconta Anacreonte (fr. 43 Diehls), veniva mescolato all’acqua in un cratere e non si beveva mai puro. Era però il simposiarca a decidere la quantità di vino ma anche l’organizzazione degli intrattenimenti.

I passatempi erano il gioco, la conversazione, la musica. Il numero di partecipanti non andava spesso oltre le dieci persone ma tutto dipendeva da cosa si dovesse festeggiare. I banchetti dei più abbienti avevano a disposizione anche degli schiavi avvenenti che restavano in loco per allietare la serata agli ospiti.

IL PERSONAGGIO PIU’ IMPORTANTE ERA IL CUOCO!

Il màgeiros, era anche un macellaio e lo stesso termine veniva utilizzato per indicare colui che sacrifica gli animali agli dèi e questo continua a sottolineare il legame tra banchetto e religione.

Se vi è piaciuto lasciate un like, intanto noi ci rileggeremo domani per parlare di menù nello specifico.

Dott.ssa Claudia Fanciullo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.