ALLA RICERCA DEL GAMBERO PERDUTO

Apicio, in un certo senso, sembra somigliarmi molto.

Viveva con una certa inquietudine che lo stimolava a cercare ovunque tracce di percorsi che avrebbero potuto fargli scoprire nuovi piaceri e nuovi sapori, sia che si trattasse di gastronomia, sia di esperienze raccolte in giro.

Questo temperamento gli fece affrontare un viaggio che segnò la sua carriera di gastronomo a vita e che lo portò per mari a cercare i migliori gamberi per la sua tavola. Qualcuno gli aveva suggerito che le coste libiche potessero ospitare delle varietà davvero grandi rispetto a quelli che, generalmente, era solito servire ai suoi commensali.

Dopo aver attraversato un mare burrascoso, approdò lungo le coste e lì scoprì che, in realtà, quei gamberi tanto decantati non erano altro che crostacei normalissimi. Tornò a casa a mani vuote ma molto soddisfatto, perché ancora una volta aveva avuto ragione accrescendo il mito sulla sua persona.

Niente di più vero è affermare che amasse i cibi costosi e rari, che egli stesso ricercava pur scontrandosi con i pericoli del suo orgoglio.

Dott.ssa Claudia Fanciullo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...